Oggi volevo tornare sul mio blog in grande stile, ero carica come una molla, ero pronta a parlarvi di sogni e progetti, ero motivata e poi boh…mi sono spenta. Mi sento, come si suol dire, “un po’così”, cioè sul divano, fisso la home di facebbok, fisso il vuoto, che poi sono la stessa cosa, più o meno, e intanto su spotify mi è partita una playlist deprimente, dove la più allegra è Adele. Perché mi sono spenta? E chi può saperlo. Sarà l’autunno, anche se l’autunno a me piace, ma c’è da dire che di autunno questo autunno ha poco. Intanto ho usato 4 volte la parola autunno nella stessa frase, ottimo Nancy, continua così.

E quindi la finisco qui, vi saluto, prendete queste poche parole come un saluto, un modo per dirvi che ci sono ancora anche se il blog sembra morto e che appena potrò tornerò con recensioni e polemiche. Più polemiche però, visto che di materiale ne ho accumulato tantissimo ultimamante.

Ciao.

7 thoughts on “Tristezza autunnale?

  1. Tranquilla, Nancy 🙂 Che problema c’è? I blog sono fatti apposta per lasciarli e e riprenderli… non ci obbliga nessuno ad aggiornarli con frequenta fissa, e questo è il loro bello. Tornerai a scrivere quando ti sentirai più “ispirata”: noi ti aspettiamo!
    E buon autunno 🙂

    1. Grazie Pietro, in ogni caso continuo a scrivere per Freneek. Suppongo sia più difficile scrivere sul proprio blog in periodi di “depressione”. Ma torno presto!

  2. Forza Forza, su col morale!! L’autunno sarà anche noioso, con le sue giornate più corte e la luce che va via fin troppo presto, però non ti abbattere!! Dai, noi siamo qui a seguirti e ad aspettarti!

    1. Grazie 🙂 Sai in realtà davvero amo molto l’autunno, è solo che mi sto buttando giù per diversi motivi lavorativi…chissà magari ve ne parlerò! Grazie ancora

  3. Dovresti fare una piccola avventura che ti da una scossa.
    L’avventura e mettere del Pepe nei piatti in cui servi, farli così pepati che il poveretto sfortunato deve chiamare i vigili del fuoco per le fiamme che escono dal culo.
    Se ti licenziano, dai fuoco al locale, e poi scappa in Sudamerica specificatamente in Patagonia, stai tranquilla che nessuno ti cercherà.
    In Patagonia ti trasformi in “Mercenaria Killer del Pepe”
    Scommetto che ti sale l’adrenalina che vedrai poi l’autunno una grande rottura di coglioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *