Probabilmente, anzi sicuramente, sarete già a conoscenza della discutibilissima fine di HIMYM, visto che l’ultimo episodio è andato in onda lo scorso 31 marzo e già il primo di aprile fioccavano spoiler a volontà (sì, ho sperato fosse un pesce d’aprile!).

Nell’eventualità che tra voi ci siano ancora alcuni fortunati ignari, non vi anticiperò nulla, ma mi limiterò a fare considerazioni genarali (e a dirvi che piangerete!).

La nona stagione non è stata assolutamente all’altezza delle altre; se alcuni episodi dell’ottava ci avevano fatto ben sperare in una ripresa positiva, molti della nona vi lasciarenno assolutamente indifferenti. Eppure non mi sento di condannare HIMYM per questo, poiché è evidente che l’ultima stagione assolve un compito chiave, che non è quello di farci conoscere la mamma! Sì, conosceremo la mamma, e vi dirò di più la ameremo, ma la vera funzione dell’ultima stagione è un’altra!

L’ultima stagione, ambientata nei due giorni che precedono il matrimonio di Barney e Robin, è in realtà un pretesto per farci tornare indietro nel tempo, grazie a numerosi flashback, per ricostruire la strada intrapresa da Ted verso la madre (si parlerà anche dell’ananas, ma la verità la troverete solo nei contenuti speciali del DVD… e qui!). Sarà un modo per ricordare tutto e riderne, come una in una grande meravigliosa festa d’addio.

Vi lascio alla (ri)visione, ma ho due quesiti per voi: siete pronti a dire addio a HIMYM? Io no; ma soprattutto, siete pronti al doppiaggio italiano? IO NO!