Ieri pomeriggio mi ero messa al pc con l’intenzione di scrivervi uno spettacolare post sull’amore in vista di San Valentino. E così ho costretto il mio adorabile fidanzato a prestarsi ad una sessione di foto tutte cuore e amore da utilizzare per questo post, poi mi sono seduta davanti al computer e ho guardato lo schermo per ore senza scrivere niente, bloccata da un pensiero semplice e quanto mai veritiero: come diavolo si fa a spiegare che cosa è l’amore? È impossibile. Ho spento il pc e sono andata a lavoro.

Ho continuato a pensarci, mi sono svegliata pensandoci, ho preparato un bel tiramisù pensandoci e alla fine sono giunta alla conclusione che l’unica cosa che so sull’amore è che esiste, ma non so spiegarvelo.

Io so cos’è l’amore quando guardo gli occhi del mio fidanzato e mi dispiace se questo vi risulterà troppo melenso ma è così. Io so che cosa è l’amore quando abbraccio i miei fratelli, quando guardo un film che mi commuove, quando leggo un libro prezioso, quando mi affeziono ad un oggetto speciale. Eh sì, mi innamoro anche degli oggetti, del resto non esiste l’amore, ma gli amori e qui, come già feci in occasione dello scontro tra valentiniani e faustiniani su 40secondi per il San Valentino 2014, vi riporto una delle mie citazioni preferite del Maestro Gabo:

si può essere innamorati di diverse persone per volta, e di tutte con lo stesso dolore, senza tradirne nessuna, il cuore ha più stanze di un bordello”

Io non lo so se siete mai stati innamorati, non so come aiutarvi a distinguere una semplice infatuazione dal vero amore, che non è per sempre neppure quello, dura finché dura, sia chiaro, perché la caducità è nella natura umana delle cose e so che un giorno potremmo svegliarci e non amarci più. Posso solo dirvi che lo capirete da soli, c’è un momento esatto in cui vi guarderete dentro e lo capirete. E subito dopo la spaventosissima frase

“mio dio potrei passare tutta la vita con questa persona”

diventerà:

“Dio, potrei davvero passare tutta la mia vita con questa persona!”.

Basta la smetto che qua il momento è già drammatico di suo tra San Valentino, sfumature e Sanremo.

Vi lascio però alcuni consigli cinematografici per la vostra serata romantica, da vedere anche se non si è in coppia.

Se mi lasci ti cancello di Michel Gondry con Kate Winslet e Jim Carrey.

L’orripilante titolo italiano non promette nulla di buono (titolo originale Eternal Sunshine of the Spotless Mind) ma si tratta senza dubbio di uno dei più bei film d’amore mai stati fatti. Immaginate se si potesse cancellare qualcuno che vi ha fatto soffrire dal vostro cervello…

“Pensieri sparsi, per il giorno di San Valentino 2004. Oggi è una festa inventata dai fabbricanti di cartoline d’auguri per fare sentire di merda le persone. Non sono andato al lavoro oggi, ho preso il treno per Montauk, non so perché, non sono un tipo impulsivo. Forse mi sono svegliato solo un po’ depresso.”

se mi lasci ti cancello

Amami se hai coraggio di Yann Samuell, con Marion Cotillard e Guillaume Canet.

 “Quindi era questo essere adulti: avere un’auto che va da 0 a 210 e non superare mai i 60.”

Julien e Sophie sono due bambini che giocando si innamorano. Una volta adulti non sanno semplicemente dirsi quanto si amano, ma continuano a giocare trasformando i giochi in sfide al limite del surreale..fino ad un happy (?) end molto poco convenzionale!

amami se hai coraggio

Before Sunset, di Richard Linklater, con Ethan Hawke e Julie Delpy.

“Sai pensavo che sarà meglio che io non veda più le cose in chiave troppo romantica, è una chiave che mi ha sempre fatto soffrire.
Ho ancora molti sogni, ma non riguardano più la mia vita amorosa.
La cosa non mi rattrista, la accetto”

Si tratta del secondo capitolo della trilogia dei Before (ve ne parlerò ve lo giuro!) il mio preferito dei tre, perché non è così fatalista come il primo capitolo e non è ancora disfattista come l’ultimo. Celine e Jesse si rincontrano poco dopo i trent’anni, hanno entrambi avuto successo nella vita e sono apparentemente felicemente fidanzati. Ma c’è qualcosa che inquieta il loro animo fin dal primo magico incontro..è tempo di scegliere davvero!

before sunset

Tutto può cambiare di John Carney con Keira Knightely, Mark Ruffalo, Adam Levine.

“La musica ha la forza di rendere magico anche il momento più banale.”

Non è una storia d’amore, ma è una storia sugli amori finiti, sull’amore paterno, sulla musica e anche sull’amore che si può provare per una città, New York, in questo caso. Per nulla scontato con una colonna sonora stupenda!

tutto può cambiare

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *