Un grandioso Michael Keaton è Riggan Thomson in Birdman, o (l’imprevedibile virtù dell’ignoranza) penultimo lavoro di Alejandro González Iñárritu, che ha fatto incetta (meritatissima!) di premi agli Oscar 2015.

Riggan è un attore decaduto che ha avuto tutto dalla vita grazie al successo di un suo personaggio, il supereroe Birdman. Affammato di gloria e in lotta con il suo alter ego cerca il riscatto tra i teatri di Times Square, portando in scena un adattamento di Di cosa parliamo quando parliamo d’amore di Carver. Ma Broadway non è Hollywood e Riggan si ritrova a fare i conti con la dura realtà. “Una cosa è solo una cosa, non quel che si dice di quella cosa”, recita una frase sul suo specchio, ma lo stesso specchio gli rilancia l’immagine di quello che non può non essere, la celebrità Birdman. Tra etichette e giornalismo da due soldi, Riggan cerca di superarsi, diventando finalmente attore.

Cast superlativo, dove spiccano Emma Stone e ovviamente Keaton, a cui va il merito di aver saputo giocare sul suo passato (il riferimento a Batman è lampante!) superandolo. Ma Riggan riuscirà a far tacere Birdman?

emma-stone-birdman
Senza peli sulla lingua, varcando il confine tra realtà e finzione, Iñárritu ci regala un mostruoso esercizio di metacinema, aiutato da un piano sequenza continuo (reso grazie al digitale da Lubezki) e ci obbliga ad invadere i corridoi di Broadway, a mettere il fiato sul collo dei protagonisti, a sbirciare morbosamente nella loro intimità, il tutto sulle incalzanti note di una batteria.

Voto 10

5 thoughts on “BIRDMAN | QUANDO ESSERE UNA CELEBRITÀ NON SIGNIFICA ESSERE UN ATTORE! | RECENSIONE

  1. Il tema del “metacinema” non è certamente nuovo, ma è lo “svolgimento” che entusiasma: un film di due ore tutto in un unico piano sequenza, con la cinepresa che “insegue” gli attori sul palco e dietro le quinte, senza mai mollarli, in maniera quasi ossessiva. Un formidabile esercizio di stile, ma non solo: Birdman offre anche contenuti importanti… la crudeltà del mondo dello spettacolo, l’invadenza e lo strapotere dei media, il parallelo tra realtà e finzione. Forse ha un solo difetto: è una pellicola che ti prende prima al cervello piuttosto che al cuore, un po’ compiaciuta, ma è un peccato davvero veniale. Avercene di film così. Con un attore protagonista assolutamente straordinario (scandaloso avergli negato l’oscar…)

    Sauro

    1. Stra quoto 🙂 questa recensione la scrissi a caldo per 40secondi (per questo è così breve). Ci sarebbe tanto da dire, in ogni caso un 10 riassume quello che penso ahahahah per ora il migliore degli ultimi anni, almeno per me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *